Difendiamo il nostro orto con metodi ecologici

Man mano che la stagione dell’orto avanza può succedere che qualche pianta si ammali o che venga colpita da parassiti, ma le soluzioni semplici ed ecologiche che possono venire in nostro aiuto non mancano.

La biodiversità
1Un’ottima strategia preventiva per la salute del nostro orto è quella di favorire la biodiversità, coltivando quante più specie e varietà possibili di ortaggi, ma anche di fiori, e di erbe aromatiche. Se lo spazio consente anche l’inserimento di siepi e cespugli ornamentali, l’equilibrio ecologico viene ulteriormente favorito nel nostro piccolo agroecosistema, che può così ospitare tanti animali e insetti utili. Sapevate, ad esempio, che i ricci escono di notte e predano le lumache?

Ma quali sono le problematiche più comuni in un orto e quali le soluzioni? Vediamo alcuni esempi.

La dorifora della patata
Purtroppo questo coleottero arriva quasi tutti gli anni in tarda primavera, e per tutta l’estate non risparmia una sola coltivazione di patate. La larva è rossa, l’adulto è a righe gialle e nere, e depone le uova sulla pagina inferiore delle foglie.2
In un piccolo orto la soluzione più semplice per limitarne i danni è l’ispezione quasi quotidiana delle piante: eliminando manualmente questi insetti ne riduciamo la popolazione velocemente. Altrimenti, uno dei prodotti ammessi in agricoltura biologica è a base di olio di neem, ma ha efficacia solo sulle larve giovani.

Sapone per i pidocchi o afidi
Esistono molte specie di afidi, e attaccano non solo gli ortaggi, ma anche le rose e gli alberi da frutta. Il semplice sapone di marsiglia disciolto in acqua e spruzzato sulle piante colpite, preferibilmente in orario serale, può essere un valido metodo con cui contrastarli. Ottimo anche preparare un estratto di ortica, lasciata a macerare un giorno o due al massimo.

Bicarbonato per l’oidio3
L’oidio, o mal bianco, è una patologia fungina che si manifesta con macchie bianche polverose sulle foglie di molti ortaggi, ma anche di alberi da frutta, di erbe aromatiche come la salvia, e di specie ornamentali come l’evonimo. In agricoltura biologica si cura mediante prodotti a base di zolfo, ma una semplice alternativa casalinga può essere il bicarbonato sciolto in acqua, da spruzzare sulle parti colpite.